Cerca

ImpronteDigitali

fogli sparsi e appunti

Mese

agosto 2015

Seta

Ci racconta Colin Thubron nel suo libro, che consiglio a tutti gli appassionati di Oriente, “ Ombre sulla via della seta” che secondo la leggenda fu la moglie dell’Imperatore Giallo che regnò in Cina fino al 2597 a.c a scoprire la seta. Lei-Tzu “ … mentre passeggiava in giardino notò uno strano verme che si rimpinzava di foglie di gelso. Per parecchi giorni lo osservò filare una rete dorata. Poi lo vide chiudersi in un bozzolo e pensò che fosse morto – finché non ne sbucò la falena reincarnata. Giocherellando perplessa con il suo minuscolo sudario rotto, l’imperatrice lo lasciò cadere per sbaglio nel suo tè, e dopo aver ripescato la fibra ammorbidita cominciò a svolgerla in un lungo filamento di seta scintillante …”
La storia e le ricerche ci dicono che in realtà la seta esisteva già da molto prima ma la leggenda di Lei-Tzu ha comunque il suo fascino.
Nella casa a Bangkok che fu di Jim Thompson, un politico-ambasciatore-commerciante che ebbe il merito di riscoprire e rendere famosa nel mondo la seta thailandese, ogni giorno si tengono rappresentazioni di come da un piccolo bozzolo si arriva ad ottenere il prezioso filato.
Questo un breve filmato che abbiamo girato lì.

Sentiero dei massi erratici

Lo sciogliersi di grosse masse di ghiaccio formatisi durante il periodo delle glaciazioni ha provocato il trasporto dalle diverse zone d’origine di detriti e rocce: i cosiddetti massi erratici.
Questo fenomeno trova nella nostra zona un interessante esplicazione nel Parco geologico  “Bruno Achermann” sito nei pressi di Canzo dove s itrovano massi erratici di diverse ere e diversa provenienza .
Il sentiero che ci conduce nel parco, inizia alla fonti Gaium (485m. slm.) ed è segnato dal CAI di Canzo. Si segue dapprima uno stradello lastricato,parallelo al torrente Revella, in direzione S.Miro-3^Alpe;  al bivio con S. Miro ( chiesetta del 1600 in posizione molto suggestiva posta in una stretta gola) inizia il sentiero vero e proprio che si snoda nella foresta dei Corni di Canzo. Continue reading “Sentiero dei massi erratici”

Blog su WordPress.com.

Su ↑