In tanti pensammo che quel muro che divideva Berlino ovest da Berlino est fosse una vergogna da cancellare, in tanti gioimmo quando lo vedemmo cadere.
Oggi nel cuore dell’Europa , in Ungheria, si costruiscono muri e recinti di filo spinato . Oggi in Ungheria, patria di profughi in fuga dai carri armati sovietici nel ’56, altri profughi in fuga dalle guerre vengo bastonati e cacciati. E nessuno dice nulla. Forse perché, come commentava Dragan Petrovic – giornalista serbo – qualche giorno fa , questo muro in fondo fa comodo a molti.
Buona notte Europa !

Annunci